Il Diritto all’Oblio: Cos’è il Diritto all’Oblio nel GDPR?

Introduzione

Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR). Ogni azienda che si occupa di dati personali deve adattarsi a questa nuova normativa europea o rischia di incorrere in multe e altre sanzioni.

Le aziende si sono affrettate a prepararsi per il Diritto all’Oblio, che è una delle nuove importanti norme contenute nel GDPR. Questo articolo spiegherà tutto ciò che c’è da sapere sul Diritto all’Oblio, inclusa la sua definizione, le possibili applicazioni e come dovrebbe essere implementato secondo le linee guida del GDPR.

Cosa si intende per Diritto all’Oblio?

Questo Diritto è particolarmente rilevante nell’era digitale, dove le nostre attività online possono lasciare una scia di informazioni sensibili. Il Diritto all’Oblio può aiutare a proteggere la nostra privacy e impedire che i nostri dati vengano utilizzati contro di noi.

Tuttavia, il Diritto all’Oblio non è assoluto. Ci sono alcune circostanze in cui l’interesse pubblico può prevalere sul Diritto alla privacy di un individuo. Ad esempio, se qualcuno è stato condannato per un crimine, la sua fedina penale potrebbe non essere cancellata.

Il Diritto all’Oblio è ancora un concetto relativamente nuovo e i tribunali hanno ancora dubbi su come applicarlo nella pratica. Nel 2014, la Corte di giustizia europea ha stabilito che Google deve rimuovere i link che rimandano a informazioni obsolete o imprecise su un individuo se questo lo richiede. Tale sentenza ha avuto un impatto significativo sul modo in cui i motori di ricerca trattano i dati personali.

Se sei preoccupato per la tua privacy online, la cosa migliore da fare è rimanere informato sui tuoi diritti e assicurarti di capire come vengono utilizzati i tuoi dati.

Cos’è il Diritto all’Oblio nel GDPR?

Il Diritto all’Oblio è un concetto che rientra nell’ambito della protezione dei dati, che offre alle persone il diritto alla cancellazione delle proprie informazioni personali a condizioni specifiche. Questo diritto non è assoluto e ci sono dei limiti, ma è una componente cruciale del GDPR.

Quando si applica il diritto all’oblio?

Il Diritto all’Oblio si applica in determinate circostanze, ad esempio quando le informazioni sono imprecise, irrilevanti o eccessive. Se ritieni che i tuoi dati personali rientrino in una di queste categorie, puoi presentare richiesta di cancellazione al titolare del sito.

Come funziona il Diritto all’Oblio?

Il Diritto all’Oblio è un concetto relativamente nuovo che sta pian piano guadagnando terreno in ambito legale. L’idea alla base del Diritto all’Oblio è che gli individui hanno il diritto di rimuovere le proprie informazioni personali dai registri pubblici. Questo Diritto non è attualmente riconosciuto negli Stati Uniti, ma alcuni altri paesi, come la Francia, hanno iniziato a metterlo in pratica.

C’è ancora molto dibattito sul Diritto all’Oblio e su come dovrebbe essere applicato. Alcuni sostengono che vada troppo oltre e potrebbe essere utilizzato per nascondere informazioni importanti. Altri affermano che non include un numero sufficiente di istanze e che dovrebbe esserci maggiore protezione per le informazioni personali.

Indipendentemente da quale sia la tua opinione sulla questione, il Diritto all’Oblio è un concetto importante che vale la pena tenere d’occhio. È plausibile pensare che continuerà ad evolversi man mano che impariamo di più sulla privacy dei dati e sui diritti che le persone dovrebbero avere in merito alle loro informazioni personali.

Quali sono le eccezioni all’eliminazione?

Ai sensi della legge sul Diritto all’Oblio ci sono alcune eccezioni all’essere eliminati dall’elenco del motore di ricerca. Se le informazioni in questione sono di interesse pubblico, sono necessarie per la ricerca scientifica o storica o per proteggere la vita o la proprietà di qualcuno, possono rimanere online. Inoltre, se le informazioni sono state precedentemente pubblicate in un libro o in una rivista, potrebbero non essere rimosse dall’indice online.

Se sei un privato cittadinoche vuole beneficiare del Diritto all’Oblio; oppure, se gestisci un’azienda che vuole sapere come può utilizzare il Diritto all’Oblio nelle comunicazioni con i clienti, ci sono alcune eccezioni che dovresti tenere a mente. Gli individui, per esempio, non possono chiedere di rimuovere le informazioni che sono state pubblicate sui siti web governativi.

Significa che le persone non possono utilizzare il Diritto all’Oblio per sbarazzarsi di eventuali precedenti penali che hanno in archivio con i governi locali. Inoltre, le società private non possono richiedere la rimozione delle informazioni che hanno pubblicato per conto dei propri clienti; anche in questo caso, tali richieste devono provenire da privati cittadini.

Come posso richiedere la cancellazione dei dati personali?

Se vuoi richiedere la cancellazione dei tuoi dati, puoi compilare questo modulo. Analizzeremo le informazioni per poter rispondere alla tua richiesta o per stipulare un contratto. Non trasferiamo i tuoi dati personali al di fuori dell’Unione Europea (UE).

Chi è responsabile della notifica a terzi e come questi vengono informati?

Il Diritto all’Oblio è un concetto che ha iniziato a farsi spazio solo negli ultimi anni. Attualmente, nella maggior parte delle giurisdizioni questo Diritto non è anora sancito dalla legge ma l’Unione Europea ha adottato misure per codificarlo.

Ci sono diverse considerazioni da fare quando si esercita il Diritto all’Oblio. Una domanda chiave è: chi è responsabile della notifica a terzi della rimozione dei dati? E come dovrebbe farlo?

In generale, è responsabilità dell’individuo che desidera che i propri dati vengano rimossi avvisare eventuali terzi che potrebbero ospitarli. Può essere un processo difficile e dispendioso in termini di tempo, soprattutto se sono coinvolti molti siti Web diversi.

Un’opzione è utilizzare lo strumento “Rimuovi contenuto” di Google. Questo strumento consente alle persone di richiedere la rimozione dai risultati di ricerca di Google dei link che rimandano ai propri dati personali. Google invierà quindi notifiche ai siti Web interessati, chiedendo loro di rimuovere i link.

Un’altra opzione è contattare direttamente il sito Web o il webmaster e richiedere la rimozione dei dati. Tale azione potrebbe non avere sempre successo, ma vale la pena provare.

In alcuni casi potrebbe anche essere possibile persuadere il titolare del sito ad anonimizzare i tuoi dati personali. Significa che la tua persona non potrà più essere associata a quel contenuto. Ad esempio, se erano stati resi pubblici dei dati provenienti da un database ospedaliero, è possibile rimuovere tutti i dettagli che permettono la tua identificazione.

Cosa succede se una richiesta viene rifiutata?

Se una richiesta viene respinta, il soggetto può sporgere denuncia presso l’autorità di controllo. In caso di accoglimento del reclamo, il titolare del sito deve conformarsi alla sentenza e cancellare le informazioni richieste. Gli interessati devono formulare le loro richieste per iscritto, anche se potrebbero essere necessarie specifiche procedure qualora il titolare del sito conservi grandi quantità di dati sensibili.

La richiesta dovrebbe anche dettagliare lo scopo delle informazioni che si vogliono eliminare, in modo da giustificare la petizione. Inoltre, dovrebbe essere specificato se è necessaria o meno una copia dei documenti o delle informazioni pertinenti.

Il GDPR chiarisce che tutte le comunicazioni tra titolari del sito e persone fisiche devono avvenire in una lingua ufficiale concordata da entrambe le parti. I titolari del sito devono tenere una registrazione completa di tutte le richieste pervenute dai soggetti e il dettaglio di come ciascuna è stata gestita. I titolari del sito, inoltre, possono addebitare un costo amministrativo, ma tale commissione non può essere eccessiva o sproporzionata rispetto ai costi effettivi.

Il diritto all’oblio è riconosciuto in Europa ma non negli Stati Uniti.

Il Diritto all’Oblio è un concetto che ha ormai una certa risonanza in Europa ma non è stato ancora riconosciuto negli Stati Uniti. Questo Diritto consente alle persone di ottenere la rimozione da Internet di informazioni che le riguardano nel caso in cui queste siano obsolete, imprecise o semplicemente non più rilevanti.

Ci sono diversi motivi per cui qualcuno potrebbe voler rimuovere le informazioni da Internet. In alcuni casi, potrebbe essere perché c’è stato un cambio di nome o di altri aspetti significativi della loro vita e non vogliono più che vecchie informazioni siano associate a loro. In altri casi, è possibile che le informazioni in questione non siano più accurate o pertinenti e che non desiderino che vengano visualizzate quando le persone le cercano online.

Qualunque sia la ragione, il Diritto all’Oblio è un concetto sempre più importante man mano che aumenta il numero di persone che si muove online. Sarà interessante vedere se e quando gli Stati Uniti decideranno di riconoscere questo Diritto.

Il caso contro Google per violazione della privacy è stato archiviato

È stato un caso che ha fatto notizia in tutto il mondo. Un uomo ha fatto causa a Google per violazione della privacy dopo che il motore di ricerca ha rifiutato di rimuovere i link a vecchi articoli sul suo passato criminale.

Ma, con una decisione apprezzata da Google e dagli altri motori di ricerca, l’Alta Corte ha respinto la richiesta dell’uomo.

La sentenza è una vittoria per chi sostiene che il cosiddetto “Diritto all’Oblio” non si estende a Internet. Significa che, in generale, i motori di ricerca non sono obbligati a rimuovere i link ad articoli accurati e pubblicati in buona fede.

Il caso è stato portato in tribunale da un uomo che non può essere nominato per motivi legali. Ha affermato che il rifiuto di Google di rimuovere i link a vecchi articoli di giornale che rimandavano alla sua condanna per frode e successiva condanna al carcere era una violazione del suo Diritto alla privacy.

Una volta scontata la pena e dopo essere stato riabilitato, la continua pubblicazione degli articoli era sproporzionata e invadeva la sua privacy.

Tuttavia, l’Alta Corte non ha trovato prove che Google avesse agito illegalmente. Al contrario, ha affermato che, anche se la privacy dell’uomo era stata invasa, questo atto era controbilanciato dall’interesse pubblico ad avere accesso alle informazioni su di lui.
Secondo la Circuit Court, forzare la rimozione di materiale da Internet è incostituzionale ai sensi del Primo Emendamento

Una corte d’appello federale ha stabilito che una società onlie non può essere obbligata a rimuovere un articolo dal proprio sito Web su richiesta di un individuo che si oppone al contenuto dell’articolo.

Il caso, promosso nello stato del Florida da un richiedente anonimo, riguardava un articolo del 2013 pubblicato dal sito web FLORIDA TODAY di Gannett Company, Inc.. L’articolo riguardava l’arresto del richiedente per guida in stato di ebbrezza.

L’interessato ha chiesto a FLORIDA TODAY di rimuovere l’articolo dal suo sito web, citando una legge dell’Unione europea nota come “Diritto all’Oblio”. Questa norma consente alle persone di richiedere che i motori di ricerca rimuovano i link a siti Web che contengono informazioni false, irrilevanti o abusive su di loro.

FLORIDA TODAY ha rifiutato di rimuovere l’articolo e il dedunciantel’ha citato in giudizio, sostenendo che la società aveva violato il suo Diritto all’Oblio.

Un tribunale di grado inferiore si è pronunciato a favore del richiedente, ordinando al FLORIDA TODAY di eliminare l’articolo. In appello, tuttavia, la Corte d’Appello dell’Undicesimo Circuito ha respinto la sentenza originaria, ritenendo che richiedere la rimozione del suddetto articolo violerebbe il Primo Emendamento.

Il Primo Emendamento, infatti, non consente ai tribunali di ordinare l’eliminazione di articoli legittimi solo perché qualcuno lo richiede, ha scritto il giudice William H. Pryor Jr. nella sentenza. L’articolo del Florida Today non rappresentava una violazione dei diritti dell’interessato e lui si è assunto l’onere di dimostrare che lo era. Il Primo Emendamento protegge la libertà di parola e di stampa, ha affermato David Horowitz, consigliere capo del Freedom Center del Missouri.

Inoltre, ha aggiunto che ciò include il diritto di pubblicare storie che altri preferirebbero fossero dimenticate. Questa causa era infondata e sono felice che questa sentenza abbia affermato i diritti del Primo Emendamento del cliente.

Ancora un’altra vittoria della corte per la libertà di parola contro la censura da parte delle piattaforme di social media e di altre organizzazioni che pensano di dover decidere cosa far vedere su Internet. Nell’aprile 2018, Google ha cancellato un post del blog dalla sua piattaforma dopo le richieste del governo francese.

Costringere la stampa a sopprimere informazioni accurate violerebbe le leggi sulla libertà di stampa

Il Diritto all’Oblio è spesso frainteso. Alcune persone pensano che significhi che qualsiasi informazione su di loro può essere rimossa da Internet, ma non così che funziona. Ad esempio, il Diritto all’Oblio non si applica se le informazioni in questione sono veritiere e corrette o se sono di interesse pubblico.

Questo principio è sancito dal diritto europeo sin dal 2014, quando la Corte di giustizia europea ha stabilito che le persone avevano il diritto di rimuovere i propri dati dai risultati di ricerca di Google se tali dati erano “imprecisi, irrilevanti o eccessivi”. Da allora, ci sono stati diversi casi di alto profilo in cui si è cercato di utilizzare il Diritto all’Oblio per rimuovere le informazioni da Internet.

Pro e contro del Diritto all’Oblio GDPR

Pro:

• Come solida risposta alle preoccupazioni sulla privacy, i governi di tutta Europa hanno introdotto il GDPR. È applicabile in tutti gli stati membri dell’UE dal 25 maggio 2018.
• Lo scopo principale dell’introduzione della regolamentazione è proteggere le persone e i loro dati dagli attacchi informatici, conferendo loro un diritto sui dati personali, come le informazioni su dove sono archiviati i dati, chi vi ha accesso, ecc.

Contro:

Il Diritto all’Oblio ha anche dei contro.

• La rimozione del contenuto da una pagina Web potrebbe richiedere la rimozione di tutto il contenuto da quella pagina.
• Il che può significare perdere alcuni dei tuoi link o perdere delle posizioninella pagina dei risultati del motore di ricerca.
• Inoltre, molti esperti ritengono che un atto del genere sia impraticabile e irrealizzabile perché una volta che qualcosa viene pubblicato online, è quasi impossibile per qualcun altro non ripubblicarlo in una forma o nell’altra.

 

Conclusioni

IlDiritto all’Oblio è una parte essenziale del Regolamento generale sulla protezione dei dati, o GDPR. Consente alle persone di richiedere che i propri dati vengano cancellati dai registri di un’azienda. Nella maggior parte dei casi, ciò si applicherà solo quando l’utente smette di volere che la società possieda tali informazioni personali. Questo non dovrebbe influire sul modo in cui gestisci gli altri account ad essi collegati.

Vale anche la pena notare che non dovresti rimuovere le informazioni solo perché qualcuno te lo chiede. Tuttavia, se qualcuno lo richiede, è possibile cancellare i dati personali. Diritto all’oblio google italy  tenuto a rispondere entro un mese per iscritto e comunicare al richiedente se è possibile o meno procedure, motivando in entrambi i casi la risposta.
sì o no al richiedente e spiegare perché in entrambi i casi.

Torna su